A PROPOSITO DI JAZZ ON LINE NEWS – Giugno’11 – a cura di Gerlando Gatto

Felice Clemente – “Nuvole di carta” – Crocevia di suoni CSDS 005 Il sassofonista Felice Clemente si presenta in quartetto con Massimo colombo al pianoforte, Giulio Corini al contrabbasso e Massimo Manzi alla batteria, quindi un combo di tutto rispetto che in effetti fornisce ottima prova sia nella musica d’assieme sia negli interventi solistici. Particolarmente convincente il leader, che adoperando il sax tenore e il soprano, evidenzia un linguaggio fluido, personale, ora chiaramente melodico ora più dichiaratamente ritmico senza perdersi in fronzoli o inutili riempitivi, alla ricerca di una essenzialità non semplice da raggiungere. In questo senso particolarmente stimolanti i dialoghi con il pianista: Massimo Colombo, non lo scopriamo certo con questo disco, è pianista di classe raffinata e di acuta intelligenza musicale, frutto, tra l’altro, degli intensi e proficui studi di armonia, contrappunto e composizione; di qui un pianismo che, in questo album, pur non essendo spesso in primo piano, diventa affatto indispensabile per disegnare gli scenari su cui si muove l’intero quartetto. In questo senso eccellente anche il lavoro di basso e batteria in grado di costruire un’elegante struttura ritmico-armonica, particolarmente elegante anche dal punto di vista timbrico. Il repertorio si basa essenzialmente su composizioni dello stesso Clemente tra cui il brano che da il titolo al CD e che, come spiega lo stesso Felice “è il mio sentito omaggio a un giovane amico che ci ha lasciato tre anni fa, un ragazzo di grande ricchezza d’animo, con tanti progetti che avrebbe voluto realizzare. A lui e ai suoi sogni è dedicato questo mio ultimo lavoro, il cui titolo, Nuvole di carta, allude proprio alla fusione tra i sogni (le nuvole) e la loro realizzazione”. Eccellenti anche “To MJB” e “Young Prince and Princess” , un arrangiamento in chiave jazzistica di un brano di Rimsky Korsakov. Il programma del CD è completato da un brano  di Giulio Corini e due pezzi di Massimo Colombo che ancora una volta evidenzia una bella capacità di scrittura (non è certo un caso che abbia già scritto moltissime composizioni contenute nei numerosi CD registrati dai gruppi di cui il pianista ha fatto parte).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi