Antonello Mura, Il secolo XIX, 12/4/2003

“Nel panorama sernpre più vasto dei giovani jazzisti italiani e in particolare dei sassofonisti, un occhio di riguardo lo merita il debutto discografico di Felice Clemente per l’etichena Splasc(h), da sempre attenta alle avanguardie jazz. La tittle track dell’album composto peraltro interamente da brani originali, Way Out Sud è la perifrasi di un noto standard di Sonny Rollins, quel
Way Out West che in qualche modo è filo conduttore dell’ ispirazione che domina sul disco. Echi di Dexter Gordon e armonizzazioni allaMonk risaltano in tutto il lavoro che riesce però a essere fresco e originale, come può esserlo un omaggio fatto con sensibilità e talento. L’interplay tra i vari elementi del quintetto (un gradino sopra a tutti Massimo Colombo al piano) è molto buona, così come è funzionale l’amalgama dei brani. In questo Clemente è coadiuvato da Valerio della Fonte al basso, autore tra l’altro di uno dei brani del disco, dal già citato Massimo Colombo al pianoforte, da Tommy Bradascio alla batteria e Manuel Consiglia alfa chitarra. II viatico sembra quello giusto, l’importante è non perdere mai la strada di casa.”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi